Le più popolari tradizioni festive in Italia

Le più popolari tradizioni festive in Italia - Fdcnapoli.itLa maniera in cui vengono celebrate le feste in Italia, non si ripete ovunque – a la grande, con ampiezza impensabile, con allegria vivace, molto tipica per il temperamento italiano.

Altrettanto amate da tutti, sono le feste natalizie in Italia, che iniziano l’8 dicembre, con la celebrazione della Festa dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria. Proprio in questo giorno, è tradizione di addobbare l’abete e di decorare con installazioni di luci le abitazioni e le strade delle città, privilegiando per i colori del colore rosso nel decoro. Sotto l’abete, la mattina di dopo il Natale, i bambini cercano regali, dolci da Babbo Natale, versione italiana del Nonno Gelo.

Nei giorni natalizi, le città italiane sono riempite di risonanze di zampognate e caramella della zampogna e del flauto rispettivamente. Una tradizione, molto tempo fa i pastori che scendevano dall’alpe, per opera di tali strumenti divertivano il pubblico vicine.

La serie delle solennità invernali continua con il Capodanno, l’arrivo di cui in questo paese ha particolari. Per esempio, per sbarazzare la casa dall’ energia negativa negli ultimi dell’anno che passa, gli italiani lanciano dalla-dalle finestra la ciabatteria di grande diversità. Sul davanzale, gli stessi postano monetine e mettono delle candele, se credere ad una ipotesi storica, questo attira successo e permette di vivere l’intero anno benestante.

A differenza del Natale, che si celebra normalmente nell’intimità familiare, la notte del Capodanno, gli italiani preferiscono festeggiare uscendo dalla casa, nella compagnia clamorosa degli amici. Infatti il più interessante avviene sulle strade: musica altisonante, danze incendiari, rappresentazionieccezionali e spettacoli di luci e laser show meravigliosi.

L’organizzazione di carnevali in onore di qualche festa è tradizione nazionale degli italiani. Il carnevale il più grandioso di tutti i numerosi carnevali, è il Carnevale di Venezia, che è denominato «Re di tutti i Carnevali». Di anno in anno, questo comincia con il volo al di sopra della piazza San Marco di un angelo in carta Colombina, che, cantando in aria durante il volo, copre il pubblico le persone riuniti-riunite da coriandoli iridati. Proprio da questa piazza cominciano tutte le –tutti gli spettacoli teatrali e sfilate in costume. L’apogeo della festività è costruito dal- è costituito dalla concorso delle maschere.